lunedì 14 febbraio 2022

PINI SU VIA DI CASTELPORZIANO: SI CONFIGURA IL DANNO ERARIALE E NON SOLO


Abbiamo avuto la conferma su quanto da noi denunciato il 5 (*) e poi il 15 gennaio scorso (**) a seguito del nostro accesso civico generalizzato. I 37 pini abbattuti su viale di Castelporziano sono 'atterrati' in un'area verde presso via Bersone all'Infernetto, una convenzione nota come Castelporziano Sud, dove però le alberature erano a carico dei privati.
A questo punto è evidente che si configura un danno erariale e una serie di altri reati.
Chiediamo dunque che venga convocata dalla Presidente Valentina Scarfagna, una Commissione Ambiente ad hoc e che si chiariscano in tale sede i seguenti punti:
 
1) perché sono stati abbattuti 37 pini e spostate queste alberature dentro ad una convenzione
2) perché sono state rimosse 37 alberature (pino) di un tipo e piantate altre tipologie di alberature in quella convenzione (sughere e cerri)
3) quali siano i costi di queste alberature e di quelle invece della stessa tipologia su viale di Castelporziano
4) se è stata prevista la manutenzione di questi alberi e perché si dichiara che esiste un impianto di irrigazione che in realtà non c’è.
5) cosa si intende fare sulla questione fitosanitaria su Viale di Castelporziano  

Sull’abbattimento dei pini di Viale di Castelporziano e l’atterraggio di tipologia diversa all’interno di una convenzione non è accettabile sotto alcun profilo, soprattutto alla luce delle dichiarazioni di inizio anno dell'Assessore all'Ambiente, Valentina Prodon, e dell'Assessore al Patrimonio e LL.PP., Guglielmo Calcerano, che decretavano la morte di Viale di Castelporziano. Anche LabUr - Laboratorio di Urbanistica, si era occupata dell’argomento inviando una diffida al Municipio X a far posizionare altrove le 37 alberature in sostituzione di quelle rimosse, in particolare in parchi e giardini pubblici, essendo prevalente il ripristino del valore paesaggistico, naturalistico e culturale del viale di Castelporziano sopra ogni altra destinazione (***).

Un municipio devastato dal malaffare negli appalti del verde pubblico durante 'mafia capitale' ha l'obbligo di far chiarezza su tutti i passaggi amministrativi se non vuole rendersene complice.

Paula de Jesus
Reso. Ambiente, Patrimonio e Demanio

(*) https://evoluzionecivica.blogspot.com/2022/02/infernetto-la-tonnara-di-viale-di.html    
(**) https://evoluzionecivica.blogspot.com/2022/02/infernetto-i-pini-di-viale-di.html 
(***) http://www.labur.eu/public/blog/2022/01/14/infernetto-viale-di-castelporziano-diffidato-il-municipio/?fbclid=IwAR0mGISAFQZGyt3jM86YISj1JOvg8he3McnksXhCP2wQ-SQewhvP4-_2dps

Nessun commento:

Posta un commento

LE CENERI DI UN NUOVO 'CAMPO FELICE'

L'inceneritore è una comoda scorciatoia per gestire il problema dei rifiuti e ha un impatto sulla quantità e qualità del ric...